Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 14/05/2017
 
 

Daniele Salvo e Franco Branciaroli riprendono il testo di Euripide nel celebre allestimento di 20 anni fa.

 
 

Ambiguità e violenza della Medea di Ronconi

 
 
 
     
   
       
   
 

A distanza di 20 anni dal suo debutto la Medea di Euripide-Ronconi, ripresa dal Centro Teatrale Bresciano in coproduzione con il Piccolo Teatro e riallestita con abilità e scrupolo filologico da Daniele Salvo, sembra non risentire del tempo trascorso.

 
     
 

Lo spettacolo di  Ronconi infatti già 20 anni fa guardava avanti nella sua lettura in chiave politica ed ambigua. L’inizio è scandito da video che mostrano una natura selvaggia e degli interventi chirurgici, a sottolineare la cultura primordiale, bestiale della protagonista; video che si contrappongono a quelli che, nella seconda parte, rappresentano l’ordine e la perfetta scansione ritmica di una metropoli americana del XX secolo, ovvero la realtà di Corinto a cui Medea finge di assimilarsi prima dell’atto estremo.
Medea non è più la donna ferita assetata di vendetta o la protofemminista che si svincola dal dominio maschile. Medea è l’”altro” che, provenendo da una terra e da una cultura ancestrale, entra in contatto con una società ordinata ed apparentemente perfetta per minarla alla base, sterminandone le future generazioni. Per questo Medea può anche non essere una donna ed infatti, come allora, il ruolo è interpretato da Franco Branciaroli.  Questa ambiguità viene ripresa anche nella scena in cui Medea dona la fertilità ad Egeo, il quale viene fatto sedere su una poltrona da ginecologo ed alla fine, nonostante uomo, si ritrova letteralmente ingravidato.Contrariamente ad una certa tradizione che tende a rappresentare la tragedia greca in chiave statica e monolitica, in questo caso ci troviamo di fronte ad una regia moderna e dinamica, in cui la gestione degli attori, ma soprattutto del coro, sempre concretamente partecipe dell’azione, legge la vicenda in chiave contemporanea.

 

Molto bravo Daniele Salvo a recuperare nella recitazione il capillare lavoro sul testo tipico dello stile di Ronconi. Nulla della bella traduzione di Umberto Albini si perde e nulla viene lasciato al caso.
Franco Branciaroli fa ampio sfoggio della sua grande escursione vocale per trasmettere il dolore e la ferocia della maga della Colchide. Al suo fianco spiccano le prove di Antonio Zanoletti (Creonte), Alfonso Veneroso (Giasone) e Elena Polic Greco (Nutrice) 
Lo spettacolo procede e coinvolge fino al monologo del Nunzio recitato da Tommaso Cardarelli, a partire dal quale si ha la sensazione che la tensione si allenti ed il finale tenda un po’ a trascinarsi, perdendo quella vena innovativa che aveva caratterizzato la prima parte.

Medea rimane comunque uno spettacolo intenso, di grande potenza visiva ed emotiva che, in questa lettura, si dimostra forse ancora più attuale di quanto lo era al suo debutto.

Davide Cornacchione 9/4/2017

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  16/09/2017  
I sette contro Tebe: guerra senza tempo  
  Al Teatro Romano la tragedia di Eschilo nell’allestimento curato da Ma...  
     
  02/09/2017  
Tutto nel mondo è ritmo  
  Trascinante esibizione di musicisti-danzatori di Stomp al Teatro Roman...  
     
  02/09/2017  
Cassandra, ultimo baluardo contro l’Ybris  
  Elisabetta Pozzi magnetica interprete dell’eroina troiana al Cortile m...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Brescia
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...