Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 07/05/2017
 
 

Vivo successo per la ripresa del titolo verdiano a Busseto.

 
 

Bentornati Masnadieri

 
 
 
     
   
       
   
 

Da alcuni anni il Teatro Regio di Parma attua la politica di riprendere a primavera nel corso della normale stagione d’opera lo spettacolo prodotto con i vincitori del Concorso Internazionale di Voci Verdiane durante il precedente festival verdiano. Tra i tanti meriti di questa iniziativa vi sono senza dubbio quello di poter usufruire di quel piccolo gioiello del Teatro Verdi di Busseto, dando allo stesso tempo la possibilità ai giovani interpreti di confrontarsi ulteriormente con il pubblico.
Se poi lo spettacolo è particolarmente riuscito come nel caso dei Masnadieri dell’ottobre scorso la scelta si rivela pienamente vincente.

 
     
 

L’allestimento presentato è quello diretto da Leo Muscato che aveva debuttato al Regio nel 2013 e che non ha minimamente risentito del suo ridimensionamento per il più piccolo palcoscenico bussetano. Le suggestive scene di Federica Parolini mantengono intatta la loro efficacia grazie anche alle sapienti luci di Alessandro Verazzi che esaltano le atmosfere cupe e corrusche che caratterizzano la partitura.
Quinte materiche, un pavimento sconnesso che deborda fin sul golfo mistico e rami che calano dall’alto caratterizzano con efficace semplicità una realtà in disfacimento, sia che si tratti della foresta che delle tetre stanze del castello dei Moor. I pochi arredi scenici fanno da contorno a questo dramma in cui i personaggi non comunicano, ma vivono di malintesi da cui sfociano gesti estremi e violenti che raggiungono l’apice nel tragico e potente finale.
Muscato gestisce ottimamente il materiale a disposizione lavorando in modo sapiente sui cantanti che si dimostrano a loro agio nei rispettivi personaggi.

L’avere poi un direttore che non guarda a questa partitura con l’approccio snob che spesso si rivolge al “Verdi minore” ma che al contrario dimostra di crederci pienamente ha costituito un ulteriore tassello al successo della produzione. Il giovane Simon Krecic, alla testa dell’Orchestra dell’Opera Italiana, ha impresso il giusto ritmo alla narrazione, staccando tempi sostenuti e puntando su sonorità energiche, senza però mai rinunciare a sostenere ed accompagnare le voci.

Più che adeguato il cast, su cui spiccava l’Amalia di Marta Torbidoni; dotata di un bel timbro lirico la soprano si è distinta sia per l’espressività del fraseggio che per la disinvoltura nelle agilità.  Giovanni Maria Palmia è stato un Carlo dalla voce molto ben impostata che spiccava nei momenti lirici pur mostrando qualche difficoltà nei passaggi più eroici. Voice importante e bella linea di canto hanno caratterizzato il Francesco di Leon Kim mentre George Andgulaze è stato un Massimiliano dal timbro morbido e robusto, disinvolto nei centri e nell’acuto, ma non sempre timbratissimo nel registro più grave.
Buone le prove del Moser di Wellington de Santana Moura, del Rolla di Jangmin Kong e dell’ Arminio di Manuel Rodriguez Remiro, nonostante la voce un po’ leggera di quest’ultimo.
Vivo successo da parte di un pubblico in cui spiccava un’importante presenza di stranieri, a dimostrazione del crescente interesse internazionale nei confronti della realtà musicale parmense.

Davide Cornacchione 29 aprile 2017

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  22/05/2017  
Peter Grimes: debutto a pieni voti al Comunale  
  Un’edizione da ricordare del capolavoro di Britten per la prima volta ...  
     
  21/05/2017  
Norma in stile napoleonico  
  Al Teatro Filarmonico ripresa dela Norma di Hugo de Ana ambientata ai ...  
     
  20/05/2017  
Viennesi a confronto  
  Schubert e Webern nel programma proposto dalla Mahler Chamber Orchestr...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Busseto
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...