Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Sabato 16/09/2017
 
 

Al Teatro Romano la tragedia di Eschilo nell’allestimento curato da Marco Baliani per l’Istituto Nazionale del Dramma Antico

 
 

I sette contro Tebe: guerra senza tempo

 
 
 
     
   
       
   
 

È la guerra peggiore quella rappresentata da Eschilo nei Sette contro Tebe, la guerra tra due fratelli per il potere su una città. In quanto fratricida è infatti la più disumana, perché va a toccare le corde più profonde dell’animo, perché nasce da sentimenti ancestrali che accecano i protagonisti, che non si preoccupano di trascinare nel loro conflitto personale la popolazione di un’intera città.

 
     
 

La guerra tra Eteocle e Polinice per il potere su Tebe è, nell’interpretazione di Marco Baliani, una delle tante guerre che nel corso dei secoli si sono succedute nel bacino del Mediterraneo e idealmente si può ricollegare ai più recenti avvenimenti di Sarajevo o di Aleppo. Le città assediate in fondo sono tutte uguali: all’interno il sentimento dominante è la paura, che i governanti devono placare e trasformare in coraggio e rabbia da scaricare sul nemico. Questo accade nella scena chiave della tragedia, quando l’araldo elenca uno ad uno gli scudi dei sette terribili guerrieri schierati contro ognuna delle porte di Tebe ed Eteocle deve con le parole capovolgere la situazione di fronte ai suoi concittadini, magnificando le doti dei suoi combattenti e schierandosi lui stesso contro il fratello alla settima porta.

È uno spettacolo teso, muscolare quello che Baliani ha costruito per il Teatro Greco di Siracusa e che è stato felicemente ripreso al Teatro Romano a chiusura dell’Estate Teatrale Veronese. Ai piedi di un grosso albero, su un terreno sabbioso il coro, in continuo movimento, crea immagini potenti, evocative e di forte impatto visivo. Di grande efficacia la sopracitata scena degli scudi in cui Eteocle letteralmente smaschera ad uno ad uno i “sette contro Tebe”: non più mostri ma uomini contro i quali si può combattere e vincere. Molto bella anche la scena della battaglia, durante la quale, con taglio cinematografico, gli attori dismettono i loro costumi arcaici per indossare abiti di foggia mediorientale che in pochi istanti ci fanno fare un salto in avanti di 2500 anni costringendo il pubblico a confrontarsi con le guerre di oggi.

Marco Foschi è un Eteocle monolitico, di cui emerge sostanzialmente il lato eroico e spavaldo, orientato prevalentemente su un registro aggressivo, mentre Anna della Rosa, vera coscienza dello spettacolo, in scena fin dalle prime battute, è un’Antigone intensa, umanissima, sia nella disperazione per la guerra sia nel rivendicare degna sepoltura per Polinice.  Aldo Ottobrino, posizionato con un effetto straniante all’ingresso della chiesa dei Santi Siro e Liberata, è un araldo partecipe nella sua descrizione dei sette mentre l’aedo di Gianni Salvo apre e chiude con lucidità la tragedia.
Ottima la prova del coro dell’Accademia d’arte del Dramma Antico.

Da segnalare, ospite non gradita, la pioggia che ha accompagnato l’ultima mezz’ora della rappresentazione facendosi via via sempre più insistente ma che è stata quasi ignorata dal pubblico, immobile sulle gradinate attento e coinvolto da quanto avveniva sulla scena.

Davide Cornacchione 15 settembre 2017

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
 
 
 
 
     
  27/09/2017  
Le streghe: vittime del potere  
  La superstizione come motivo di sopraffazione nella Lombardia del ‘500  
     
  16/09/2017  
I sette contro Tebe: guerra senza tempo  
  Al Teatro Romano la tragedia di Eschilo nell’allestimento curato da Ma...  
     
  02/09/2017  
Tutto nel mondo è ritmo  
  Trascinante esibizione di musicisti-danzatori di Stomp al Teatro Roman...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...